sito non ottimizzato per la visione su smartphone e tablet si consiglia la visione su computer


••R•A•R•E••

Terre di Donne

Per ora ecco i trailer del mio short indie documentary che durerà circa 33 minuti e sarà fatto

di interviste, di immagini video, di foto e con voce narrante; tutto in onore a 7 rare donne rurali e alle loro storie che ho avuto l'immenso piacere di raccontare grazie alla loro disponibilità e partecipazione

••R•A•R•E••

Terre di Donne

"Per oltre due mesi ho cercato innanzitutto donne con un PROGETTO IN SOLITARIA grazie ad una relazione autentica con la loro terra; poi che non avessero mai avuto prima un importante rapporto lavorativo con la terra, oppure che quella loro terra non fosse la "terra di famiglia" o che perlomeno, qualora lo fosse stata, l'avessero trasfomata in un progetto di agricoltura naturale e di vita e volevo che fossero storie differenti l'una dall'altra.

Ho cercato racconti di persone rispettose nei confronti degli alimenti, della loro stessa produzione, dei fruitori finali e portatrici genuine di conoscenza e coscienza rurale, per questo molto importanti all'interno delle loro comunità: ne ho trovate 7 e ho tentato di rendere loro onore per quello che fanno e per come lo fanno, grazie a 6 short stories nelle quali si innestano le fotografie del fraterno amico Roberto tarallo Giovando , le musiche composte dall'inseparabile Roberto Rizzi e con la voce narrante del fratello di palcoscenico  Fabio Farronato"

 

Un indie road documentary della durata di circa 33 minuti; 6 storie italiane al femminile che raccontano la scelta della "loro terra" come ambiente lavorativo e come progetto di vita presente e futura. Rare per il fatto di avere iniziato il loro cammino in solitaria e spesso facendo prima tutt'altro mestire; rare perchè sono l'esempio tangibile di quanto la donna sia stata e sia ancora oggi l'anello forte della ruralità. Le loro stesse storie sono rare e in qualche maniera rendono onore a quelle donne del passato che fino agli anni 70, prima della migrazione dalle campagne verso le grandi città per garantirsi un lavoro sicuro "in fabbrica", ancora governavano e mungevano le mucche, producevano la semenza, lavoravano i campi, creavano piatti poveri e senza spreco oltre ad essere mamme e mogli. Rare non solamente in quanto donne rurali che fanno un mestiere ancora oggi maggiormente destinato agli uomini, ma soprattutto per i loro sei progetti che non coincidono meramente con la "produzione e vendita" di prodotti, ma che invece sconfinano nel rispetto per gli stessi alimenti che creano, rispetto per l'ambiente ecologico e produttivo nel quale lo fanno e nei confronti di chi consuma ciò che producono. Sette donne rare che diffondono conoscenza o tentano di ripopolare territori con la stessa vocazione rurale di oltre un secolo fa, oppure che resistono nella loro terra nonostante le avversità o ancora che operano per la sovranità alimentare nel rispetto della madre terra e di chi la lavora. Sei storie molto differenti una dall'altra e diverse dalla convenzionalità, quindi rare perchè preziose per le loro comunità e per chiunque si voglia fare ispirare da queste testimonianze che dovrebbero influenzare il comune pensiero di noi tutti, migliorando la nostra vita, quella del pianeta e del suo suolo.

CLICCANDO SUL SIMBOLO FACEBOOK VI COLLEGHERETE ALLA PAGINA  "PIANETA CIBO FILM", PAGINA DI RIFERIMENTO DEL MIO LAVORO E DELLO SHORT DOCUMENTARY

••R•A•R•E••

Terre di Donne

I sei brevi trailer