Questo sito non è ottimizzato per la visione su smartphone e tablet si consiglia l'utilizzo del computer: sarò più felice anche io, grazie :)

(scroll down to read the doc synopsis - eng sub)

RARE

Terre di Donne

(Trailer)

"Per oltre due mesi ho cercato innanzitutto donne con un progetto in solitaria grazie ad una relazione autentica con la loro terra; poi che non avessero mai avuto prima un importante rapporto lavorativo con il suolo, oppure che quella loro terra non fosse la "terra di famiglia" o che perlomeno, qualora lo fosse stata, l'avessero trasformata in un successivo progetto di agricoltura naturale e di vita e infine volevo che fossero storie differenti. Ho cercato persone rispettose nei confronti degli alimenti, della loro stessa produzione, di chi lavora la terra, dei fruitori finali e le ho trovate portatrici genuine di conoscenza e coscienza rurale, per questo molto importanti all'interno delle loro comunità: ne ho trovate 7 di donne e ho tentato di rendere loro onore per quello che fanno e per come lo fanno, grazie a 6 short stories nelle quali si innestano le fotografie del fraterno amico Roberto Tarallo Giovando , le musiche composte dall'inseparabile Roberto Rizzi e con la voce narrante di Fabio Farronato".

 

• SINOSSI •

Un documento video completamente dedicato a 7 donne rare che hanno iniziato in solitaria un cammino “agricologico” e, per buona parte di loro, facendo addirittura tutt'altro prima di intraprendere il percorso rurale: come nel caso di Alessia, Sara, Claudia e Giuditta. Sono persone motivate, passionali e rappresentano l’esempio tangibile di quanto la figura femminile sia ancora oggi fondamentale per le catene rurali locali. Il documentario si sviluppa in viaggio per l’Italia alla ricerca di idee, gesti, fatti e ritratti contemporanei tutti al femminile, ma indirettamente vuole rendere onore anche a quelle donne che fino all’inizio degli anni ’70, prima della migrazione verso le grandi città per garantirsi un lavoro sicuro "in fabbrica", rappresentavano l'anello forte dell’economia famigliare rurale. Erano loro a governare le stalle, a mungere le vacche, a lavorare i campi, a produrre con attenzione la semenza scegliendo le colture migliori, a creare piatti poveri e senza spreco oltre ad essere madri e mogli. Le protagoniste del documentario sono rare non solamente in quanto donne che svolgono un mestiere ancora oggi maggiormente destinato agli uomini, ma soprattutto grazie ai loro progetti che sconfinano nel rispetto per gli alimenti creati, per chi li consuma, per l'ambiente e nei confronti di chiunque lavori la terra rispettandola. Sette donne rare che diffondono conoscenza rurale o tentano di ripopolare territori con la stessa vocazione pastorizia di oltre un secolo fa. Sono rare per il fatto che resistono nella loro terra nonostante le avversità o ancora perché operano credendo nella sovranità alimentare e nel rispetto del suolo. Sei storie diverse e geograficamente lontane tra loro, che si discostano dalla convenzionalità ma raccontate da persone preziose per le comunità nelle quali vivono e per chiunque si voglia fare ispirare da testimonianze indubbiamente capaci di migliorare la nostra vita e l’ambiente che ci circonda.

CLICCANDO SUL SIMBOLO FACEBOOK VI COLLEGHERETE ALLA PAGINA  "PIANETA CIBO FILM"


RARE

Women's lands

(Trailer) 

"Rare" is an indie documentary centered on seven extraordinary women who set out to realize seven unique, sustainable projects on their own land. It is a "solo production", realized during a journey through six italian regions, and it is made of moving and still images shot with my personal equipment and in collaboration with the enlighted gaze of photographer Roberto Tarallo Giovando. These seven young women set out on a new lifepath often without any previous experience in agriculture. They needed to go back to their roots and give new meaning to their professional paths. Their journey earned them a new outlook on life, one of intimate knowledge and respect for the land, its biodiversity and the people who sustains it. The narration is based on the interviews with these inspiring women, who reveal the extraordinary stories that brought them to choose a rural life and the newfound connection with the land that they work, love and live. As the subtitle suggests, this documentary is a journey through "women's lands", a quote inspired by the "Women's Land Army", a civil organization created during the First and the Second World War so women could work in agriculture, replacing men called up to the military. Even though my documentary is set in today's world, history tells us how women have always been the strongest link of rural family chain.